La storia dell’ I.I.S. Raffaello

L’Istituto d’istruzione superiore Raffaello già Liceo Classico è una delle istituzioni scolastiche più antiche che la nostra provincia possa vantare. Le sue origini più lontane risalgono a quel “Collegio dei Nobili” fondato in Urbino nel 1699 per volontà dell’urbinate Gianfrancesco Albani diventato poi Papa Clemente XI e che, nel 1884, fu trasformato nel Regio Liceo-Ginnasio “Raffaello”, da cui discende direttamente la nostra scuola. Per secoli la scuola è stata punto di riferimento per la gioventù di tutto un territorio al di qua e al di là dell’appennino, annoverando tra i propri alunni persone che hanno lasciato un segno tangibile nella storia d’Italia. Il poeta Giovanni Pascoli (1855 – 1912) ne è l’esempio più illustre. Di questo passato austero il nostro Istituto ha mantenuto la serietà e il rigore degli studi ma ha saputo unirvi anche una grande dose di innovazione e dinamismo. Queste  le tappe storiche che hanno portato alla trasformazione dell’istituto dal Collegio dei nobili a Istituto di Istruzione Superiore Raffaello.

Dal 1699 – 1923

1699 – 2 aprile E’ istituito in Urbino il Collegio dei nobili per disposizione del Papa Clemente XI
1699 – 12 maggio Solenne inaugurazione del Collegio dei nobili
1808 Trasformazione del Collegio in Regio liceo convitto per decreto di Napoleone
1811 – 2 giugno L’istituto viene denominato Regio liceo convitto metaurense
1814 Restaurazione della signoria papale
1815 L’istituto viene affidato ai gesuiti
1860 – 8  settembre Urbino entra a far parte del Regno d’Italia
1864 – 14 ottobre Decreto di equiparazione del collegio
1865 Intitolazione del Liceo a Bernardino Baldi
1865 – 4 maggio Intitolazione del Liceo a Raffaello
1884 – 4 agosto Decreto di regificazione del Liceo
1887 – 7 luglio Decreto di regificazione del Ginnasio
1923 – 12 giugno Accettazione della Riforma Gentile
2011 Trasformazione da Liceo a Istituto d’Istruzione Superiore

Dal 1923 al 2012

Un pensiero su “La storia dell’ I.I.S. Raffaello

  1. Pingback: Giovanni Pascoli | classicistranieri.com

I commenti sono chiusi.