Archivi autore: Admin

Olimpiadi nazionali delle lingue e Civiltà classiche

Il 15 marzo si è tenuta ad Ancona la prova regionale per selezionare i 4 studenti che rappresenteranno le Marche alle Olimpiadi nazionali delle lingue e Civiltà classiche. Hanno partecipato 20 studenti provenienti dai licei di tutta la regione. A rappresentare le Marche andranno due allievi del nostro liceo, Marco Pernarella della III liceo A e Benedetta Patrignani della III liceo B classificatisi rispettivamente primo e quarta. Le finali nazionali si svolgeranno a Salerno in maggio.

Una Gimkana ad Urbino per Erasmus +

 La prima mobilità  2017 a Zagabria (Croazia)  per staff e alunni del “Raffaello” di Urbino   nell’ambito del partenariato ERASMUS+  European Active Citizenship”  con scuole europee spagnole (Cordoba), finlandesi (Sibbo), lettoni (Riga) e croate (Zagabria) ha permesso alla scuola superiore urbinate di conoscere la scuola superiore  XVIII Gimnasija di Zagabria che ha ospitato con grande entusiasmo e professionalità il primo gemellaggio fra alunni europei  previsto dal progetto.

La scuola partner di Zagabria ha  in particolare coordinato lo svolgimento di una attività laboratoriale a proposito della strategia  “Europa 2020” -denominata  “Gimkhana”-  alla quale hanno partecipato alunni provenienti da tutti e cinque i paesi partner di progetto.  Il primo gemellaggio europeo  Erasmus+ 2017 della nostra scuola è stato  incentrato proprio sulla realizzazione della “Gymkhana Europa 2020”  che ha avuto luogo a Zagabria dal 6 al 10 marzo 2017

La Gymkhana è una attività laboratoriale decisamente innovativa per la realtà scolastica  italiana:  le abilità base di matematica, le capacità di problem solving, le abilità di lavorare in squadra e buone capacità di orientamento giocano un ruolo chiave sia per gli alunni che per gli insegnanti coinvolti.

Compito degli insegnanti l’individuazione dei contenuti, la creazione di domande e risposte da usare per implementare l’attività, la supervisione  degli alunni nella ricerca  di informazioni dando loro il necessario supporto per l’orientamento e, infine, il coordinamento trai i vari attori all’interno del gruppo di progetto.

Agli alunni viene offerta la possibilità di partecipare -giocando in squadre- ad attività di ricerca informazioni per le  quali l’inglese è  lingua veicolare.  Le attività di apprendimento vengono vissute all’aria aperta, in condivisione, in modalità cooperativa.

Il gioco della Gymkhana consiste nell’andare  a caccia delle postazioni -dislocate in punti diversi della città da individuare attraverso il calcolo  delle relative coordinate- ove vengono resi disponibili, in formato “poster”,  dati statistici  aggiornati sui temi chiavi della strategia Europa 2020: la sostenibilità ambientale e l’energie rinnovabili, l’immigrazione, la povertà, l’occupazione giovanile.

La Gymkhana di Zagreb ha coinvolto oltre 50 partecipanti provenienti dai cinque paesi del partenariato “European Active Citizenship” e l’evento, patrocinato dal Comune di Zagabria,  ha avuto risonanza su stampa, TV e radio  locale e nazionale.

L’esperienza vissuta anche da alcuni dei  nostri ragazzi del secondo anno del  linguistico del “Liceo Raffaello” di Urbino verrà ripetuta in ciascuna delle scuole europee coinvolte nel partenariato con lo scopo di disseminare la “Gymkhana Europa 2020”.

Sabato 8 aprile la Gymkhana verrà di nuovo messa in atto anche a Urbino, per le strade del centro  e coinvolgerà  sia una classe  del Linguistico che una classe del Ginnasio dell’IIS “Raffaello”  come anche alcuni allievi del Learning Studio Helen Doron  di Urbino

A Marco Pernarella l’Agòn eschileo 2017

Marco Pernarella della classe III Liceo classico ha vinto la X edizione di Agòn 2017, la gara nazionale di Greco Antico dedicata ad Eschilo organizzata dal Liceo classico, in collaborazione con Eni e che ha visto sfidarsi 33 studenti provenienti da tutta Italia. Complimenti a Marco, alla sua classe e alla Prof.ssa Federica Gori che di Marco è l’insegnante.

Per leggere gli articoli correlati cliccare sui link

Articolo 1

Articolo 2

Articolo 3

La lezione del mare di Nino Finauri

In occasione della imminente uscita de La lezione del mare di Nino Finauri, docente di Storia dell’Arte del nostro Istituto, pubblichiamo alcuni stralci della nota introduttiva dello stesso autore

Caro lettore

Vorrei subito chiarire a chi è indirizzato questo libro, per lo meno nelle intenzioni. E dare anche delle istruzioni d’uso.

All’inizio è nato come una raccolta di episodi marinareschi, molto tecnici, con riferimenti specifici, tale da poter essere utile a chi naviga, soprattutto ad altri skipper,  in quanto condivisione di esperienze, incidenti, problemi, rotte di navigazione e problematiche varie che è sempre comodo conoscere, onde evitare di incappare nelle stesse situazioni, oppure utili in quanto contenenti anche possibili soluzioni. Un libro per marinai, per armatori, per velisti, che parla del loro mondo con il loro linguaggio.

Ma rileggendoli meglio, questi testi contengono anche tanti suggerimenti per viaggi, esplorazioni,  vacanze, avventure, utili a chi ama appunto viaggiare, per mare ma anche per terra, con informazioni e indicazioni precise su pregi e bellezze di un luogo.  […]

A ben vedere, però, globalmente, alla fine, viene fuori un diario personale di vicende autentiche succedutesi all’io narrante nell’arco di quasi 30 anni, che hanno la vela e il mare come filo conduttore, certo, ma poi si allargano a considerazioni, ricordi, emozioni, incontri, luoghi che spostano l’attenzione dalla barca alla vita in quanto tale, con tutta la sua ricchezza di sfumature.  Riflessioni sul vivere attraverso accadimenti reali, assieme al protagonista, che di pagina in pagina si confessa mostrando le sue vulnerabilità, i  suoi errori, la sua determinazione, le sue paure, la sua lucidità, la sua emotività. 

[…] il titolo pone l’accento, implicitamente, sull’ammissione dello sbaglio.  Apprendiamo molto più dai nostri errori piuttosto che dai successi. Se evoluzione c’è, questa ci è data più attraverso le situazioni di crisi e di ridiscussione di noi stessi piuttosto che attraverso le occasionali conferme delle nostre opinioni e delle nostre abilità.  […]

Da questo punto di vista, ovviamente, diventano meno interessanti per me le vicende positive, le regate vinte, i trionfi, le navigazioni perfette, le azioni onorevoli, che seppur presenti nella mia esperienza, qui raramente trovano spazio. Ma tranquillizzatevi, in questi anni di mare, gli episodi facili e gioiosi numericamente sono stati di gran lunga superiori a quelli drammatici e complessi, ma narrativamente meno interessanti. […] Quindi un libro da leggere come un diario di confessioni bagnate dal mare e spettinate dal vento. Ma ho confessato proprio tutto? Certo che no. Non sono arrivato al flusso di coscienza, alla scrittura automatica surrealista o alla totale spogliazione psicanalitica. Mi sono fermato un po’ prima. Così rimangono tanti episodi, tante emozioni, tanti pensieri ancor più personali, intimi, che i tasti del computer si sono per ora rifiutati di trascrivere, qualora fosse mai effettivamente possibile, lecito e opportuno raccontare veramente tutto di se. Magari tra qualche anno, in un secondo volume, se questo sarà apprezzato, potrò spingermi ancora più in là, vedremo.

In ultimo, questo libro può essere utilizzato, credo, semplicemente come un libro di racconti (che siano veri e non inventati cambia poco), racconti ora curiosi ora avventurosi, ora comici ora drammatici, ora meditativi ora assurdi, ora lenti ora rapidissimi. […]

Buon vento a voi tutti          

Concorso Viaggio premio di studio per la Germania

Programma Deutschland Plus – viaggi per studenti italiani nella Repubblica Federale di Germania 2017

La Repubblica Federale di Germania offre a studenti italiani un soggiorno in Germania per approfondire la conoscenza della lingua tedesca.

L’iniziativa proposta quest’anno, rivolta a tutte le scuole italiane che offrono il tedesco curricolare, è il “Deutschland Plus”, che prevede un viaggio e soggiorno di tre settimane in Germania per 36 studenti italiani delle scuole superiori di secondo grado (di età tra i 15 e 17 anni), che si siano particolarmente distinti nello studio della lingua tedesca, da attuarsi durante le vacanze estive.

Dopo avere sostenuto una prova finalizzata ad attestare l’ottima conoscenza della Lingua e Cultura tedesca, oltre alle specifiche attitudini adeguate ad un viaggio di studio e permanenza all’estero, sono stati selezionati gli alunni per ogni regione italiana e, per la regione Marche, ha vinto l’unico posto disponibile Sara Martinelli della classe IV D a indirizzo linguistico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Raffaello” di Urbino alunna della Prof. Loretta Piacesi.

Gli alunni vincitori partiranno dall’Italia in tre gruppi tra giugno e settembre 2017, accompagnati da alcuni insegnanti che resteranno con loro per tutto il periodo del soggiorno. Essi alloggeranno presso delle famiglie e nel programma sono previste per loro ore di lezione a scuola, visite a musei, città e gite.

Questa esperienza è da considerarsi molto importante per i ragazzi, non solo per ciò che riguarda la sfera culturale, ma anche perché favorisce l’autonomia, le relazioni sociali e il confronto fra culture diverse.